Devi fermarti con il Rosso? Non necessariamente…

Esempio ironico di “fattore esterno”!

Puoi allenarti con il Rosso? Sì, se così senti, magari scegliendo un allenamento non troppo pesante, e pronto a fermarti se le sensazioni ti confermano che non è giornata!

Ma cosa indica il “Rosso” di SuperOp? Valori di Ricettività organica nella zona del ROSSO indicano generalmente un livello di allenabilità molto basso.  E’ probabile che un allenamento in questa condizione non ti apporti un beneficio o che allunghi i tempi di recupero. E’ una risposta poco frequente, che è facile imparare ad evitare di avere nei giorni importanti per il nostro allenamento.

Se scegli di provare ad allenarti in un giorno rosso, oltre all’attenzione alle sensazioni, è importante verificare nei giorni successivi l’evoluzione delle risposte di SuperOp, per essere certi che la Ricettività Organica torni in alto, ricordando che l’obbiettivo nel tempo è quello di arrivare ad un tuo ritmo di alternanza di colori “caldi” (arancione o rosso) e “freddi” (giallo e verde).

Cosa genera il Rosso?

Una Ricettività organica molto bassa non è mai un risultato “casuale” che arriva come un fulmine a ciel sereno. Ha invece cause piuttosto facili da identificare:

  • Se è il risultato di uno o di una sequenza di allenamenti pesanti, allora questo è il segnale che il tuo organismo ha bisogno di recuperare per poter costruire il miglioramento che cerchi.
  • Se è il risultato di fattori esterni (scarso sonno, alimentazione non ideale, ecc.), modifica queste abitudini per evitare il Rosso nei giorni che puoi dedicare all’allenamento (es. durante il weekend).
  • Occasionalmente un Rosso apparentemente non giustificato dai fattori di cui sopra potrebbe segnalare l’arrivo di un’indisposizione non ancora manifesta (es. raffreddore, allergia, ecc.).

Gareggiare con il Rosso? L’esempio di Giovanni Visconti (Team Bahrain Merida)

Giovanni Visconti – Team Bahrain Merida | @bettiniphoto

Sabato 3 Marzo, Giovanni ha gareggiato alle Strade Bianche. Al mattino la sua Ricettività era al 61% (Giallo) e dunque, al netto della tensione pre-competizione che tende ad abbassare la risposta di SuperOp, in ottima forma.

Giovanni ha fatto una grande prestazione, in una gara resa durissima da pioggia e fango, arrivando 5° a ridosso di Valverde e davanti al campione del mondo Peter Sagan.

Il giorno successivo, Domenica 4 Marzo, Giovanni ha deciso di partecipare alla gara di casa sua, il GP Industria & Artigianato di Larciano.

La risposta di SuperOp, dopo le Strade Bianche, era 10% di Ricettività (Rosso): SuperOp confermava che Giovanni non aveva ancora recuperato la durissima gara del giorno prima.

Nonostante la stanchezza, Giovanni Visconti ha fatto comunque una buona gara anche a Larciano, arrivando 6°. Dunque il Rosso non gli ha impedito di gareggiare e di fare un risultato discreto, anche se naturalmente il parterre degli avversari non era così forte come quelli sfidati il giorno prima alla Strade Bianche.

I giorni di Strade Bianche e GP Larciano di Giovanni Visconti

Vale la pena notare, nel report di Giovanni mostrato a fianco, come:

  • Sia arrivato fresco alle Strade Bianche, Verde e Giallo nei giorni precedenti la gara;
  • In condizioni di freschezza atletica, gli sia sufficiente un solo giorno di recupero attivo (lunedi 5 Marzo, con un carico 1×1) per riportare l’organismo di nuovo in zona Verde, anche dopo due gare tirate.

Per questo, i complimenti vanno a Giovanni e al suo preparatore Paolo Slongo!

Per concludere: per tutti – professionisti o amatori – l’obbiettivo è generalmente quello di un buon ritmo di alternanza tra rossi/arancioni (in cui recuperare) e gialli/verdi (in cui caricare).
Se ti capita un rosso inaspettato, che non corrisponde a carichi intensi dei giorni precedenti, allora:

  • Analizza i fattori (anche esterni all’allenamento), che possono avere chiesto risorse al tuo organismo, e osserva la comparsa di eventuali sintomi di indisposizione
  • Se ti senti comunque in forma e lo avevi programmato, decidi se allenarti lo stesso, dandoti il permesso di fermarti se il corpo te lo chiede, ed evitando lavori particolarmente intensi
  • Presta attenzione alle risposte di SuperOp nei giorni successivi, e dosa gli allenamenti per riprendere al più presto il ritmo!

 

SuperOp

I commenti sono disabilitati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookie. Clicca qui per maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi